Tag Archive: trekking lazio

Prime escursioni giornaliere. Quale equipaggiamento?

Questo articolo potrà essere utile a chi si avvicina all’attività escursionistica e vuole farsi un’idea sull’attrezzatura base necessaria per sue primissime avventure.

Premetto fin da subito che in negozi sportivi specializzati è possibile reperire centinaia articoli dedicati al trekking più o meno costosi, consiglio tuttavia individuare inizialmente cosa REALMENTE merita una spesa maggiore e solo successivamente, se proprio necessario, procedere ad acquisti più “sfiziosi”. In queste righe non parlerò quindi di marche o capi di abbigliamento ipertecnici che possono migliorare il nostro comfort di marcia ma che non sono effettivamente indispensabili a chi vuole iniziare a godersi la natura senza spendere un patrimonio. Continua a leggere.. >>

Da Roccagiovine al Monte Follettoso

Percorso molto semplice che a parte qualche lieve difficoltà di orientamento nel primo tratto fino al Monte Follettoso, ci ha regalato una piacevolissima passeggiata immersi nei colori autunnali Parco dei Monti Lucretili. Si può lasciare l’auto davanti al cimitero di Roccagiovine  per prendere il sentiero praticamente posto dall’altro lato dell’ingresso.

Si prosegue lungo il sentiero per circa 2 km in costante salita fino a scorgere sulla sinistra le indicazioni per il sentiero 305A verso Monte Follettoso: Il sentiero potrebbe non essere agibile a causa della vegetazione o difficile da riconoscere in questo punto, in questo caso si può proseguire dritti e una volta superata una sbarra di legno (da richiudere dopo il passaggio) prendere un sentiero non segnato sulla sinistra che si ricongiunge più avanti con il 305A.

Continua a leggere.. >>

Da Licenza a Fonte Campitello

Percorso poco impegnativo in pendenza costante ma mai eccessiva, ideale in questo periodo per delle rilassanti passeggiate e annesse pause ristoro su prati verdissimi con vista a 360° sulle cime dei monti Lucretili. La natura del percorso è piuttosto selvaggia, ma i due sentieri da percorrere per giungere alla Fonte proveniendo da Licenza sono sempre facilmente distinguibili e delineati da ricca segnaletica bianco-rossa.

Anche i tempi di percorrenza sono compatibili a una perfetta giornata di escursionismo, volendo si potrebbero aggiungere altre tappe a partire da Fonte Campitello per trasformare questo tracciato in un trekking nel Lazio di più giorni. Camminando senza fretta e prendendosi tutto il tempo per ammirare e fotografare panorami e variegate caratteristiche ambientali, si percorre tutto il tragitto andata-ritorno in 6 ore.

Continua a leggere.. >>

Da Licenza ai Lagustelli di Percile

Percorso immerso nel verde che si sviluppa prevalentemente all’interno di un bellissimo bosco di querce e ginestre. In prossimità del tratto più impegnativo troviamo un vero e proprio angoletto di paradiso dove si possono ammirare le limpide acque di un guado del fosso Rosciella e i famosi Lagustelli Fraturno e Marraone a premiare le nostre fatiche. Ho tracciato il percorso seguendo in parte l’itinerario n°3a della via dei Lupi (Licenza/Riofreddo) lasciando successivamente il sentiero Coleman per un rientro su sentiero comodo  verso Percile (sentiero 307), dove consiglio di lasciare un mezzo per il ritorno.

L’escursione che sarebbe dovuta durare non più di 4 ore ne è durata 6 a causa della scarsa segnaletica e della fitta vegetazione che in questo periodo obbliga spesso a cambi di direzione e conseguenti  stop di orientamento per ritrovare un percorso che, per la sua natura un po’ “Selvaggia”, è anche scarsamente frequentato. Personalmente sconsiglio di affrontare questo tratto senza una guida e in ogni caso invito a munirsi di un dispositivo GPS elettronico e di una discreta quantità d’acqua (almeno 3 litri a persona) Continua a leggere.. >>

Palombara Sabina – San Nicola – Castiglione

Suggestivo percorso ad anello non impegnativo tra natura e archeologia che parte e finisce a Palombara Sabina  passando per il rudere del Convento di San Nicola e le rovine del “Castrum” di Castiglione. E’ richiesta solo un pizzico di attenzione alla segnaletica nella parte finale del bosco. Passeggiando comodamente si può completare l’anello in circa 5 ore

Lasciamo l’auto nel parcheggio del grande impianto sportivo con il campo da calcio  che si scorge sulla destra non appena arrivati a Palombara Sabina venendo da Roma. Si torna indietro per un piccolo tratto di strada e in corrispondenza di una palazzina verde si gira a sinistra verso il sentiero n° 319. Si percorre circa un km tra uliveti e vigneti fino a raggiungere un’evidente piega a destra del percorso che passa in mezzo ad alcuni villini.

Dopo circa 800 mt il sentiero che somiglia sempre di più a una carrareccia prende a sinistra verso una salita più ripida lunga circa 500 mt. Più o meno a metà della salita scorgiamo sulla nostra sinistra un evidente cancello verde con possibilità di passaggio a piedi laterale. Entriamo e proseguiamo dritti per giungere alle suggestive rovine del Convento di San Nicola.
Continua a leggere.. >>